Racconto di Natale: un giro sulla slitta di Babbo Natale

Racconto di Natale: un giro sulla slitta di Babbo Natale

Era la vigilia di Natale e Carlitos aveva deciso che quell’anno sarebbe rimasto sveglio tutta la notte in attesa dell’arrivo di Babbo Natale.

Il ragazzo si chiedeva da tempo quale fosse la magia che gli permetteva di sorvolare l’intera città, visitando ogni camino in ogni casa.

I suoi occhi si stavano chiudendo nel sonno, quando vide una minuscola slitta guidata da un vecchio con la barba bianca passare attraverso la finestra, avvolta nella pelliccia dalla testa ai piedi e tutta sporca di fuliggine.

– “È quello, deve essere”, – pensò Carlitos che corse nella stanza dove Babbo Natale stava già riempiendo i calzini di regali.

Senza alcuna paura  si avventò su di lui, girando a malapena il ventre rotondo di Babbo Natale con le sue manine.

Babbo Natale lo guardò teneramente con le sue guance rosa e con un sorriso che segnava le sue fossette.

– “Cosa sei ancora sveglio, non sai che fino a domani non puoi vedere i tuoi regali?”

Allora Carlitos rispose fermamente. – “Babbo Natale, ti ho aspettato tutta la notte perché voglio chiederti un regalo speciale questo Natale. Voglio che mi porti con te nella tua slitta e lascia che ti aiuti a diffondere la gioia e i doni ai bambini. “

Babbo Natale ci pensò per alcuni secondi e vedendo che il ragazzo stava aspettando impazientemente una risposta, rispose. – “Beh, lo sai, stasera hai intenzione di fare il mio copilota, quest’anno ti sei comportato molto bene, quindi te lo meriti.”

Salirono sulla slitta piena di giocattoli parcheggiati sul tetto e volarono attraverso i cieli più velocemente di un vento uragano.

Lungo la strada Babbo Natale fischiò, rise e chiamò la sua renna con i loro nomi Run Thunder e Comet! Salto più veloce! Andiamo andiamo! Sbrigatevi, i bambini aspettano! E quasi in un batter d’occhio Carlitos e Babbo Natale visitarono ogni casa della città, lasciando i doni di ogni bambino.

La mattina dopo Carlitos si alzò dal suo letto e ricordò ogni dettaglio dell’incredibile notte che aveva trascorso. Non sapendo se fosse stato un sogno o se fosse realmente accaduto, corse giù per le scale e trovò i suoi doni.

Di una cosa però sicuro. Babbo Natale era stato lì.

Vitalba Scalia
Vitalba Scalia
vitalba.scalia@gmail.com

Creative e Art Director della manifestazione Lucca Bimbi